Operazione Alexander, estorsioni ai cantieri delle case popolari del Comune

Il Comitato Addiopizzo Messina esprime vivo compiacimento per i risultati dell’Operazione Alexander, portata a termine dall’Arma dei Carabinieri sotto la direzione della Procura della Repubblica e della DDA, che ha portato agli arresti di Maurizio Lucà e Stefano Celona con l’accusa di estorsione aggravata dal metodo mafioso.
I due arrestati tentarono di imporre il pizzo presso i cantieri di manutenzione e ristrutturazione avviati dal Comune di Messina presso le case popolari denominate “Case Arcobaleno” di S. Lucia sopra Contesse ed affidati ad alcune ditte edili aggiudicatrici dell’appalto; tra queste l’Impresa Nicotra, il cui titolare ha prontamente sporto denuncia per le richieste estorsive ricevute.
Addiopizzo esprime altresì forte preoccupazione per il ruolo di complicità con i detenuti affiliati ai clan, di sei agenti della Polizia Penitenziaria che risultano indagati per aver favorito lo scambio di comunicazioni da e per l’interno del Carcere di Gazzi. Chiediamo dunque alla Magistratura di fare piena luce sulle responsabilità ascritte agli agenti che connoterebbero i fatti di una gravità inaccettabile.
Con la stessa fermezza chiediamo al Comune di Messina, ente committente dei lavori alle Case Arcobaleno, di costituirsi parte civile nel processo che ne scaturirà al fine di manifestare la vicinanza dell’Ente locale alle imprese che denunciano il pizzo. La costituzione del Comune come parte lesa deve inoltre servire ad affermare e riconoscere il principio secondo il quale pagare il pizzo non è solo un danno per le imprese, ma anche un danno per l’intera collettività che paga indirettamente il prezzo del pizzo, attraverso lavori non fatti a regola d’arte, la distorsione del libero mercato e della concorrenza che causano un effetto depressivo dell’economia cittadina ben più grave della singola richiesta estorsiva.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...