“Colpito – La vera storia di Tiberio Bentivoglio”

locandina-colpito

COLPITO – La vera storia di Tiberio Bentivoglio

Tiberio Bentivoglio è un piccolo commerciante proprietario e gestore, assieme alla moglie, di una sanitaria a Reggio Calabria. La sua è forse una storia come tante in Calabria: quella del commerciante che deve pagare il pizzo per stare tranquillo, per non avere problemi. Ma la storia, la vera storia di Tiberio Bentivoglio è diversa, perché lui ha detto no alle mafie. E’ la storia di chi, come lui, sceglie di ribellarsi e di non piegare la testa. In venticinque anni di resistenza ha subito furti, la distruzione di un furgone, una bomba e un incendi che hanno distrutto la sua attività e, il 9 febbraio 2011, un attentato con sei colpi di pistola, in cui rimane ferito.

Tiberio Bentivoglio oggi non è più solo un commerciante che ha avuto il coraggio di denunciare i suoi estorsori, ma è diventato un esempio da seguire, dedicandosi a molti incontri nelle scuole per educare alla legalità le nuove generazioni perché, come ama dire: “Siamo noi che lasciamo la terra avvelenata ai nostri figli. Dobbiamo aiutarli a capire che non sempre è giusto prendere la strada che sembra più facile”.

“Colpito” è la storia di un uomo, un commerciante, un marito, un padre come tanti, ma è anche la storia di un uomo diverso che ha trovato il coraggio dove tanti altri hanno deciso di arrendersi a un nemico potente e invisibile, difficile da sconfiggere se non ci si unisce.

Bando Borsa Lavoro 2017

logo-liberta-e-partecipazione

Il Comitato Addiopizzo Messina Onlus, all’interno delle attività del progetto “Libertà è Partecipazione”, finanziato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento Gioventù, finalizzato alla valorizzazione del bene confiscato alla mafia di Via Roosevelt 6 di proprietà del Comune di Messina, bandisce l’assegnazione di un contributo a fondo perduto riservato a imprese già costituite e imprese in fase di start up. Dal link sottostante potete scaricare il bando.

bando-borsa-lavoro-addiopizzo-2017

Terzo appuntamento con Radio AP

logo-radio-4-ritaglioTerzo appuntamento con Radio AP, la radio gestita dal Comitato Addiopizzo Messina che trasmette dal bene liberato di via Roosevelt n°6. La trasmissione “Frequenza Libera”, condotta da Daniele Vis, oggi affronterà il tema dell’immigrazione forzata e il probabile rapporto che può venire a formarsi con la criminalità organizzata. Ospiti della trasmissione sono Santino Tornesi dell’ufficio Migrantes di Messina e Dieudonnè Badji mediatore interculturale, le loro testimonianze sono state registrate dal vivo durante il corso del dibattito avvenuto giorno 24 dopo la video proiezione del film “La – Bas educazione criminale” tratto dal massacro di Castel Volturno avvenuto nel 2008.

Per ascoltare la puntata clicca sul link sottostante.

Terza puntata Radio AP “Frequenza Libera”

Seconda puntata Radio AP “Frequenza Libera”

logo-radio-4-ritaglio

Secondo appuntamento con Radio AP, la radio gestita dal Comitato Addiopizzo Messina che trasmette dal bene liberato di via Roosevelt n°6. La trasmissione “Frequenza Libera”, condotta da Daniele Vis, oggi affronterà il tema dei minori appartenenti a famiglie di ndrangheta affidati a enti e famiglie civili con lo scopo di essere reinseriti nella società tramite un progetto ministeriale. Ospite della trasmissione è Enrico Interdonato, psicologo che segue alcuni di questi ragazzi da vicino.

 

Clicca sul link sottostante per sentire la puntata

https://www.spreaker.com/embed/player/standard?episode_id=9399129&autoplay=false

Si comunica che la sede di via Roosevelt, bene confiscato affidato in gestione dal Comune di Messina al Comitato Addiopizzo Messina onlus, resterà chiusa per la pausa estiva dal 1/8/2016 fino al 31/08/2016.

Tutte le attività: doposcuola, incontri con gli studenti, sostegno psicologico e legale, cineforum, bottega del consumo critico, biblioteca sociale e web radio, riprenderanno dal primo settembre.

Per ogni informazione, consulenza o assistenza alla denuncia resterà sempre attivo per tutto il mese di agosto il numero di telefono 329.00.62.616.

OPERAZIONE TOTEM, L’ECONOMIA MESSINESE INQUINATA DALLA MAFIA

Fasi-sequestro-dei-Carabiniri-al-lido-IL-PILONE1Le circostanze portate alla luce dalle indagini condotte dalla Squadra Mobile e dai Carabinieri con l’Operazione Totem dimostrano ancora una volta quanto a Messina l’economia sia inquinata dalla mafia e che numerose attività siano direttamente riconducibili alle organizzazioni mafiose operanti nei quartieri della Città.

Il Comitato Addiopizzo Messina esprime il proprio sostegno a Magistratura e Forze dell’Ordine che dopo l’Operazione Matassa, relativa ai clan della zona sud, assestano un duro colpo questa volta al clan di Giostra, dimostrando così quanto sia ancora fortemente radicato il controllo criminale del territorio messinese.

Il Comitato lancia un appello a tutto il tessuto sociale ed economico della città, perché chi ancora paga il pizzo collabori con gli inquirenti e denunci qualunque attività estorsiva o di infiltrazione mafiosa nelle aziende e nelle attività imprenditoriali.

vetrofaniaA tutti gli operatori economici, imprenditori, commercianti e liberi professionisti l’invito ad aderire pubblicamente alla lista “pizzo free” impegnandosi così in un percorso di trasparenza e di legalità.

Al Sindaco ed al Presidente del Consiglio Comunale di Messina chiediamo di conoscere i motivi che impediscono di approvare in Consiglio Comunale il Regolamento Antimafia, che contiene una serie di misure antiracket e di sostegno a chi denuncia, che rappresenterebbe una seria risposta politica alle Operazioni Matassa e Totem.

Vedi notizie stampa