OPERAZIONE TOTEM, L’ECONOMIA MESSINESE INQUINATA DALLA MAFIA

Fasi-sequestro-dei-Carabiniri-al-lido-IL-PILONE1Le circostanze portate alla luce dalle indagini condotte dalla Squadra Mobile e dai Carabinieri con l’Operazione Totem dimostrano ancora una volta quanto a Messina l’economia sia inquinata dalla mafia e che numerose attività siano direttamente riconducibili alle organizzazioni mafiose operanti nei quartieri della Città.

Il Comitato Addiopizzo Messina esprime il proprio sostegno a Magistratura e Forze dell’Ordine che dopo l’Operazione Matassa, relativa ai clan della zona sud, assestano un duro colpo questa volta al clan di Giostra, dimostrando così quanto sia ancora fortemente radicato il controllo criminale del territorio messinese.

Il Comitato lancia un appello a tutto il tessuto sociale ed economico della città, perché chi ancora paga il pizzo collabori con gli inquirenti e denunci qualunque attività estorsiva o di infiltrazione mafiosa nelle aziende e nelle attività imprenditoriali.

vetrofaniaA tutti gli operatori economici, imprenditori, commercianti e liberi professionisti l’invito ad aderire pubblicamente alla lista “pizzo free” impegnandosi così in un percorso di trasparenza e di legalità.

Al Sindaco ed al Presidente del Consiglio Comunale di Messina chiediamo di conoscere i motivi che impediscono di approvare in Consiglio Comunale il Regolamento Antimafia, che contiene una serie di misure antiracket e di sostegno a chi denuncia, che rappresenterebbe una seria risposta politica alle Operazioni Matassa e Totem.

Vedi notizie stampa

Si comunica che la sede di via Roosevelt, bene confiscato affidato in gestione dal Comune di Messina al Comitato Addiopizzo Messina onlus, resterà chiusa per la pausa estiva dal 1/8/2016 fino al 31/08/2016.

Tutte le attività: doposcuola, incontri con gli studenti, sostegno psicologico e legale, cineforum, bottega del consumo critico, biblioteca sociale e web radio, riprenderanno dal primo settembre.

Per ogni informazione, consulenza o assistenza alla denuncia resterà sempre attivo per tutto il mese di agosto il numero di telefono 329.00.62.616.

Prima puntata Radio AP “Frequenza Libera

Prima puntata di Radio AP, radio indipendente schierata in prima fila nella lotta contro le mafie formata dal collettivo del Comitato Addiopizzo Messina. Il programma, intitolato Frequenza Libera condotto da Daniele VIS, ospita nella puntata di oggi il presidente della “Commissione della legalità”, il sindaco di Messina Renato Accorinti e Mariano Nicotra un imprenditore che ha denunciato il pizzo. Le trasmissioni vengono effettuate presso il bene confiscato e liberato situato in via Roosevelt n°6.

per ascoltare la prima puntata clicca il logo sottostante

 

logo-radio-4

 

Nota di Addiopizzo sull’Operazione “Matassa”

Il Comitato Addiopizzo Messina Onlus, alla luce di quanto emerso dalle ultime vicende locali sull’Operazione denominata “Matassa”,  coordinata della Squadra Mobile e dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Messina, sul voto di scambio, per le consultazioni elettorali  regionali e comunali, del periodo  Ottobre 2012 -Giugno 2013, esprime il proprio sdegno  nei confronti  di una vicenda che ha tutte le caratteristiche di una storia di mafia e che vede  coinvolti, con  profondo dispiacere, anche personalità con ruoli istituzionali e di spicco del panorama messinese. Siamo certi che le indagini proseguiranno e si concluderanno nel più breve tempo possibile, alla Magistratura ed alle Forze dell’ordine va il nostro plauso ed incoraggiamento ad andare avanti ed a svelare tutto quanto di corrotto ci sia nella gestione della cosa pubblica a tutti i livelli.

Era il 27 Aprile 2016 quando  il Consiglio Comunale prendeva le distanza dalle affermazioni dell’assessore Eller che parlava di “puzza di mafia” nella città dello stretto.  Nel novembre 2015  altre indagini  hanno mostrato una città  fragile, corrotta, ferita con gli scandali di  MessinAmbiente  e “Gettonopoli”. Le  vicende  denotano quanto Messina, considerata da sempre una città “babba”, abbia temperamento e carattere mafioso. Risulta necessario un cambiamento di rotta legato ad una consapevolezza e conoscenza attenta del fenomeno.

Secondo il giudice Borsellino  “la lotta alla mafia non deve essere soltanto una distaccata opera di repressione, ma un movimento culturale e morale, anche religioso, che coinvolga tutti e che  abitui a sentire la bellezza del fresco profumo di libertà che si contrappone al puzzo del compromesso morale, dell’indifferenza, della contiguità e quindi della complicità”. Noi non possiamo che avvalorare tale tesi.

Breve rassegna Stampa Operazione Matassa:

http://www.gazzettadelsud.it/video/messina/196510/Associazione-mafiosa-e—voto.html

http://www.tempostretto.it/news/associazione-operazione-matassa-equilibri-mafiosi-camaro-santa-lucia-dettagli.html

http://www.24live.it/125142-messina-operazione-matassa-i-nomi-e-le-foto-degli-arrestati

http://video.corriere.it/messina-operazione-matassa-35-arresti-estorsioni-voto-scambio/96bdb61e-1822-11e6-a192-aa62c89d5ec1

Lotteria di primavera “Pio La Torre”

Dopo l’estrazione resi pubblici i biglietti vincenti della Lotteria di Primavera “Pio La Torre”:

  • 4° premio: n.742;
  • 3° premio: n. 641;
  • 2° premio: n. 286;
  • 1° premio: n. 169.

I vincitori possono ritirare i premi presso la sede di Via Roosevelt telefonando al numero 329 00 62 616.

Biglietto lotteria stampa

I premi in palio sono i seguenti: Cesta di prodotti di Libera Terra (1° estratto), Coupon cena per due persone presso il locale “Il Papiro” a Messina (2° estratto), Coupon per 2kg di focaccia presso il locale “Pausa Pranzo” (3° estratto), Coupon per un dolce offerto dalla “Pasticceria Pisani” (4° estratto).

Chi volesse acquistare dei biglietti può contattare il numero 3290062616 oppure può mandare una richiesta tramite email all’indirizzo addiopizzomessina@gmail.com indicando nell’oggetto “Lotteria di primavera Pio La Torre”. Dal Link sottostante potete visualizzare e scaricare il regolamento della lotteria.

Regolamento Lotteria di primavera “Pio La Torre” 2016

Non accettare il pizzo !

Sostieni i commercianti messinesi che hanno detto apertamente NO al pizzo, clicca sull’immagine e compila il modulo richiesto per aderire alla lista dei consumatori critici.

 

Intestazione-mailing-list-addiopizzo-pace